Green Beauty: la matita diventa una pianta

Green Beauty: la matita diventa una pianta

Green Beauty: la matita diventa una pianta

Contorno occhi, labbra, sopracciglia: le matite sono molto usate nel mondo della cosmesi. Pensate se, grazie a quelle stesse matite, potessero crescere delle piante.

Il mondo della cosmesi e del make up è sempre più green e attento all’impatto ambientale. La matita, in particolare, è uno degli strumenti per il trucco più utilizzato: labbra, occhi, sopracciglia.

Grazie alla matita piantabile, idea di una startup danese, la SPROUT che significa, letteralmente, germoglio, quando la matita diventa troppo corta per poter essere utilizzata può essere rovesciata a testa in su e piantata nel terreno.

Incredibile, vero?

Questo è possibile perché all’estremità esterna della matita piantabile (quella dove, di solito, nelle normali matite troviamo la gomma) c’è un sacchettino di semi. Piantandola, nel giro di una settimana o poco più nascerà un fiore o un’erba aromatica: margherite, fiordalisi, menta, basilico e molto altro.

«Ora, proviamo a immaginare se cinque miliardi di matite per il trucco prodotte ogni anno, si trasformassero in un mezzo da pollice verde…», osserva Michael Stausholm, colui che, nel 2013, ha fondato Sprout, con quartier generale a Copenhagen e avamposto a Boston.

Grazie all’azienda danese Sprout ci sono già oltre quattordici milioni di matite piantate a testa in giù nei giardini di tutto il mondo grazie a grandi aziende che le usano anche come gadget. .

L’idea è di portare questa vera e propria rivoluzione anche nel mondo della cosmesi grazie alla matita piantabile per il trucco e attraverso, naturalmente, partnership e collaborazioni con le aziende di settore. Cosa ne pensate?

 

 

Beauty in the City

Beauty in the City

RELATED ARTICLES

Voynich: la natura al servizio della tua bellezza