Ombretto: le regole per sfumarlo perfettamente

Ombretto: le regole per sfumarlo perfettamente

Ombretto: le regole per sfumarlo perfettamente

Un make up occhi naturale ma d’effetto è il sogno di molte, forse di tutte. Ma qual è il modo per realizzarlo al meglio?

Il segreto per un trucco occhi impeccabile? Sfumare perfettamente l’ombretto, senza sbavature e macchie di colore.

Ecco come farlo al meglio.

Come per qualsiasi altra cosa, anche per il make up gli strumenti che usiamo devono essere quelli giusti: i pennelli per sfumature devono avere setole morbide. Passatele sulle mani o sul viso: se pungono non vanno bene. Attenzione però. Non devono nemmeno essere troppo delicate, non riuscireste a prelevare l’ombretto e a sfumarlo correttamente.

Osservate bene anche la forma e la dimensione dei pennelli: ognuno ha la sua specifica funzione. Quelli grandi e con setole allargate non vanno bene per truccare gli occhi piccoli e per realizzare sfumature precise. Quelli piccoli e con setole molto compatte vanno usati per i colori più intensi perché sono in grado di trattenere i pigmenti e sono, quindi, perfetti per eseguire sfumature molto circoscritte.

I pennelli vanno usati senza esercitare troppa pressione, onde evitare di applicare una dose eccessiva di prodotto e di creare macchie di colore.

La scelta del colore è, ovviamente, fondamentale. La regola aurea è certamente di evitare di usare ombretti troppo chiari, panna o bianco ottico, sopra ad un colore scuro come il marrone. L’effetto sarebbe disastroso.

Si parte dall’applicazione delle tonalità più tenui che vanno sfumate sulla palpebra mobile e scurite con colori opachi. Poi, con il pennellino più piccolo (e sopratutto PULITO) bisogna fare in modo che i due colori si fondano.

Da evitare gli stacchi bruschi di colore: in caso di colori opposti bisogna lavorare sul loro punto di incontro senza far prevalere uno sull’altro.

Per un risultato omogeneo bisogna scegliere tonalità simili: in questo modo la sfumatura sarà una fusione naturale tra le due. Il colore più chiaro va sempre applicato per primo e su tutta la palpebra, quello più scuro va steso alla fine dell’occhio e allungato verso la rima ciliare inferiore con un pennello sottile per dare intensità allo sguardo.

A questo punto è il momento del finish.

Per realizzare la sfumatura perfetta, optate per un ombretto luminoso, satinato o metallizzato, che va applicato su tutta la palpebra mobile. Sulla piega dell’occhio va usata una tonalità opaca per smorzare l’iridescenza e rendere lo sguardo più profondo. Va poi sfumato con un pennello adatto con piccolo movimento da destra a sinistra.

Si può partire anche da un ombretto opaco e sfumarlo poco per volta per poi completare il make up con un ombretto luminoso per dare tridimensionalità agli occhi.

Dal punto di vista strettamente operativo, i movimenti per sfumare l’ombretto al meglio sono due:

  1. movimenti circolari e circoscritti: senza premere troppo, ruotate il pennellino in modo da fondere le tonalità,
  2. il tergicristallo: procedete da destra a sinistra e viceversa per unire due pigmenti diametralmente diversi tra loro, evitando una macchia informe.
Beauty in the City

Beauty in the City

RELATED ARTICLES

Viso spento e affaticato? Ecco il make up anti-stanchezza

Viso spento e affaticato? Ecco il make up anti-stanchezza

Ci sono momenti particolarmente intensi

READ MORE