Tinte vegetali per capelli: Khadi castano nocciola

Tinte vegetali per capelli: Khadi castano nocciola

Tinte vegetali per capelli: Khadi castano nocciola

Colorare i capelli è un’attività che accomuna molte, moltissime donne: alcune lo fanno per la necessità di coprire i capelli bianchi, per altre è un modo per cambiare look, rinnovare la propria immagine o, semplicemente, sperimentare nuove versioni di sè.

Se avete voglia, o necessità, di tingere i vostri capelli ma non siete particolarmente amanti delle colorazioni chimiche potete utilizzare le tinte vegetali a base di erbe tintorie. 

Il passaggio da tinta chimica a colorazione naturale può risultare difficile all’inizio, in parte perché bisogna trovare il mix di erbe giusto per la tonalità che desideriamo ottenere, in parte perché il capello dovrà adattarsi ai nuovi ingredienti e alle nuove formulazioni. 

Le più esperte, o quelle a cui piace sperimentare, possono sbizzarrirsi a provare diversi mix di erbe tintorie fino a trovare la miscela giusta per loro, le altre possono optare per dei mix già pronti.

Noi abbiamo provato la tinta vegetale khadi nella miscela nocciola, reperibile online o nelle bioprofumerie. 

Ecco come si usa e che cosa ne pensiamo.

Prima di applicare la miscela Khadi è necessario lavare i capelli, possibilmente con uno shampo delicato e privo di silicono che potrebbero ostacolare la presa del colore. 

La polvere presente nella confezione va miscelata con acqua calda e mescolata in una ciotola con utensili non metallici fino ad ottenere una pasta cremosa con la consistenza simile allo yogurt. 80-100 grammi di polvere sono sufficienti per una chioma lunga fino alle spalle. Se avete capelli particolarmente secchi, potete aggiungere qualche elemento idratante alla miscela, come gel di aloe, zucchero o miele. 

Ricordate di proteggere sempre i vestiti e le mani con dei guanti. 

A questo punto stendete la pasta sui capelli partendo dalle radici e procedendo poi su tutta la lunghezza. Potete aiutarvi con un pennello da tinta. Massaggiate il tutto con le dita e avvolgete la chioma in una cuffia (ce n’è una dentro la confezione) nella pellicola trasparente. 

L’importante è che, durante la posa, la miscela non si deve seccare, quindi potete coprire la cuffia con un’asciugamano che aiuterà a tenere il tutto al caldo. 

Il tempo di applicazione varia da mezz’ora a due ore,  a seconda del risultato che volete ottenere, più sarà il tempo di posa, maggiore sarà l’intensità del colore. 

Procedete poi al risciacquo con acqua tiepida e applicate una noce di balsamo. Si consiglia di evitare lo shampoo nelle 24 ore successive all’applicazione per permettere al colore di stabilizzarsi. 

Sulla confezione c’è scritto che con questa miscela è possibile coprire anche i capelli bianchi, noi, per sicurezza abbiamo effettuato il doppio passaggio, facendo prima un’applicazione di henné rosso. 

La nostra opinione

La tinta vegetale per capelli Khadi ci ha permesso di ottenere un caldo colore nocciola. Ovviamente, come per tutte le colorazioni a base di erbe tintorie, il colore di partenza è fondamentale per determinare il risultato. I colori naturali, infatti, lavorano tono su tono e non possono, in nessun caso, schiarire la base di partenza ma solo riflessarla. Inoltre, i capelli sono morbidi, lucidi e hanno dei riflessi caldi molto evidenti e naturali. 

Prodotto decisamente promosso!

Aggiungiamo, e ci teniamo a sottolineare, che è possibile tingere i capelli in modo naturale anche dal parrucchiere: sono molti infatti i professionisti che hanno optato per l’uso esclusivo di erbe tintorie e prodotti bio nei loro saloni. 

 

 

 

 

Beauty in the City

Beauty in the City

RELATED ARTICLES

Veralab by Estetista Cinica: la nostra recensione

Veralab by Estetista Cinica: la nostra recensione

UNA BOMBA! Ebbene sì. Dopo

READ MORE